sabato 27 giugno 2020

LA CORTE DEI CONTI CI RIPENSA, MA NON DEL TUTTO...


La situazione è veramente drammatica e siamo arrivati alla frutta 

In occasione della cerimonia di parificazione del Rendiconto Generale dello Stato per l’ esercizio finanziario 2019 svolta a Roma il 24 giugno scorso, il Presidente di coordinamento delle Sezioni riunite in sede di controllo della Corte dei Conti, Ermanno Granelli, ha così concluso il suo intervento:
“ La fase che stiamo attraversando è di una severità tale che 
l’ espansione dei bilanci pubblici appare un’ indiscutibile necessità. Per molti aspetti, la sostenibilità prospettica delle finanze pubbliche di molti paesi riposa oggi proprio sulla capacità di espandere, in modo appropriato, il debito. Ma la possibilità di accrescere il rapporto debito/Pil è oggi tanto maggiore quanto più credibile è la volontà di volerlo utilizzare per superare le fragilità in termini di servizi pubblici, formazione, infrastrutture e ricerca, dimostrando, soprattutto in questo modo, la determinazione di volerlo collocare, dopo la temporanea ed inevitabile fase espansiva, su un sentiero di lento ma continuo rientro.”.

Se persino la magistratura contabile sembrerebbe ritenere necessaria una politica anticiclica di espansione della spesa pubblica senza tener conto dei vincoli di bilancio, vuol dire che la situazione è veramente drammatica e siamo arrivati alla frutta ( non avevamo dubbi).
Ma dato che noi vorremmo continuare a sederci a tavola nel rispetto delle più canoniche prescrizioni della dieta mediterranea, fatta di primi e secondi piatti, non ci sfugge la parte finale della citata introduzione, laddove il presidente Granelli auspica l’espansione del debito nella prospettiva del suo futuro rientro, seppur “lento ma continuo”.

martedì 23 giugno 2020

PAOLO SAVONA: QUANDO LA FANTASIA NON HA LIMITI




Il 16 giugno scorso, il presidente della Consob (Commissione per le società e la borsa), Paolo Savona, in occasione dell’ incontro annuale con gli operatori del mercato finanziario, nel presentare la Relazione della Consob per il 2019, ha avanzato la proposta di emettere  BTP “irredimibili”.
In buona sostanza, si tratterebbe di titoli di stato perpetui, e quindi, senza possibilità di rimborso del capitale ma solo degli interessi agganciati all’ inflazione e con rendimenti non superiori al 2% esentasse.

Lo scopo di tale proposta sarebbe quello di attrarre il patrimonio finanziario dei risparmiatori italiani, pari ad euro 4.445 miliardi, si’ da contenere il debito pubblico riconducendolo in limiti più adeguati ai vincoli comunitari.
Innanzitutto, come già considerato anche da alcuni osservatori dei mercati finanziari , le prospettive di successo di questa emissione sono tutt’ altro che scontate posto che, pur limitandoci alla sola remunerazione dell’ investimento, attualmente esistono BTP che offrono rendimenti più elevati di quelli che garantirebbe il titolo irredimibile di possibile futura emissione: basti pensare al Btp Tf 2,8% Mz67 scadenza 01/03/2067 che , anche al netto della imposizione fiscale , risulterebbe più appetibile per i risparmiatori.
Ma a prescindere da questi tecnicismi , ciò che preoccupa della proposta del presidente Consob è la finalità che la sottintende, cioè la permanenza nella unione monetaria a scapito delle tasche dei cittadini italiani che, di fatto, sarebbero ancora una volta costretti a comprare la moneta necessaria per sostenere la spesa pubblica pagandola con i propri risparmi.

mercoledì 22 aprile 2020

SOVRANITA' MONETARIA DA KEYNES AD AURITI


E' arrivato il momento di agire, non abbiamo più tempo!



Le grandi Verità, osteggiate dall'establishment del potere, si affermano nell'esatto periodo storico in cui le necessità lo richiedono.

Oggi, tutti noi stiamo esattamente vivendo questo determinato periodo dove bisogna avere il coraggio di attuare quelle soluzioni, osteggiate e denigrate dal potere dominante.

Il vero nemico di tutti i popoli del mondo, da Sud a Nord da Est ad Ovest è l'usuraio apolide cioè quella classe dominante turbo-capitalistica e senza frontiere. Naturalmente per poter combattere contro questo grande moloch servono tutte le forze buone di questo nostro amato Paese.
Pertanto oggi è necessario andare oltre le ideologie novecentesche, oltre la lotta "partigiana - fascista" e oltre quel risorgimento, voluto da alcuni massoni banchieri usurai, che hanno finanziato una guerra fratricida finalizzata non ad unirci ma bensì a dividerci, rendendo il sud perenne colonia del nord come oggi stanno facendo con lo stesso sistema colonialistico tra nord e sud Europa. E' arrivato il momento di unire veramente tutti i popoli italici in un UNICO SPIRITO DI POPOLO ITALIANO dove si rispettino le peculiarità di ognuno. Solo uniti potremo vincere contro l'usurocrazia e le loro lobby di potere che dominano il nostro Amato Paese e non solo.
Dobbiamo riprenderci tutte quelle Sovranità fondamentali che ad un Popolo Sovrano spettano di diritto per definirsi tale:

lunedì 30 marzo 2020

FACCIAMO PRESTO! LA GENTE HA FAME, SERVONO SOLDI

Serve denaro direttamente sui conti correnti  di famiglie e piccola-media impresa per  mangiare e per evitare   una debacle economico-sociale



La tragica situazione necessita del SACROSANTO DIRITTO DI UN POPOLO DI POTER ATTUARE LA PROPRIA SOVRANITÀ MONETARIA. Il Tesoro deve mettersi al lavoro per stampare moneta senza debito ed accreditarla sui conti correnti di tutti i cittadini Italiani e di tutta la piccola e media impresa italiana, bloccare le tasse e attuare un giubileo fiscale per i debiti contratti nei confronti della speculazione finanziaria.

Finalmente tanti italiani , stanno consapevolizzando che l'Europa non esiste, esiste però solo quella Europa dei trattati e dell'usurocrazia che ci vuole sempre più schiavi e che non si ferma nemmeno quando la “casa brucia”, anzi ne approfitta per tendere il suo colpo finale mirato alla conquista del nostro amato Paese. Ma il tempo è finito, non possiamo andare oltre, dobbiamo salvare la nostra amata MADRE PATRIA, pertanto dobbiamo consapevolizzare che ci possiamo salvare da soli. Sono stato anche tra i promotori , insieme a tanti altri amici, del lancio di un “hashtag” che ha raggiunto il primo posto “#CiSalviamoDaSoli”.

mercoledì 25 marzo 2020

ATTENTI AI CORONABOND! SERVIRANNO A FAR AUMENTARE IL DEBITO

ATTENTI AI 
CORONABOND
AUMENTERANNO  SOLO IL DEBITO 





🔴I"CORONABOND" CHIESTI DA CONTE SERVIRANNO SOLO AD INDEBITARCI ULTERIORMENTE

🔴 PER ADESSO, LA RICHIESTA DELL'UTILIZZO DEL  MES, DA PARTE DI CONTE, GUALTIERI E GENTILONI È STATA SCONGIURATA GRAZIE ANCHE AD ALCUNI DISSIDENTI DEL M5S.


🔴 PER AFFRONTARE QUESTA DEVASTANTE CRISI ECONOMICO-SANITARIA SERVE LA SOVRANITÀ MONETARIA.
SERVONO DAI 300 AI 500 MILIARDI DI EURO, 
INIZIAMO EMETTENDO  "STATO NOTE", BIGLIETTI DI STATO A CORSO LEGALE. 

venerdì 13 marzo 2020


🔴Con vero piacere pubblico un articolo di approfondimento al MES del Dr. Commercialista Pierluigi Antenucci, ben argomentato e ricco di approfondimenti. 
La riforma del MES, o meglio il  "Meccanismo Salva Banche Tedesche", non deve essere firmata. Il MES  deve essere solo ABOLITO, come vanno stracciati tutti gli altri trattati europei. Questa  cosa deve essere chiara a tutti NO AL MES. 
ORA ABBIAMO COSE PIÙ IMPORTANTI A CUI PENSARE. 
DOBBIAMO RIPRENDERCI IL  SACROSANTO DIRITTO DI STAMPARCI LA NOSTRA MONETA PER MONETIZZARE TUTTA LA NOSTRA ECONOMIA REALE. 


🔵Articolo  del Dr. Commercialista 
     Pierluigi R. Antenucci

Il MES - Meccanismo Europeo di Stabilità - o ESM - European Stability Mechanism - si configura fondamentalmente come un ente finanziatore per gli Stati; esso opera con moneta già in circolazione (non di nuova emissione) che gli Stati stessi versano al fondo a titolo di partecipazione al capitale; questa medesima moneta verrà poi prestata dal MES agli Stati stessi a interesse in caso di difficoltà finanziaria.

Il meccanismo operativo del fondo è volto evidentemente ed essenzialmente a stritolare finanziariamente e condizionare politicamente gli Stati per conto della Troika provocandone ineluttabilmente l’inconsapevole e progressiva cessione di sovranità.
Con ogni probabilità è nato anche per rastrellare dagli Stati ingenti quantità di denaro in circolazione in maniera più rapida, potenzialmente anche indebitandosi a sua volta e/o generando perdite; la copertura della parte di eventuali perdite eccedente le riserve e il capitale proprio del fondo, infatti, può essere richiesta agli Stati partecipanti che saranno obbligati ad adempiere entro stretti termini.

martedì 10 marzo 2020

CORONAVIRUS- LA SITUAZIONE È SFUGGITA DI MANO?

Facciamo il punto della situazione per riuscire a trovare il bandolo della matassa sugli ultimi eventi che stanno accadendo in Italia.  

Abbiamo  un popolo letteralmente sbandato, senza veri punti di riferimento  e con una classe dirigente  che "naviga" in balìa dei venti  con il mare in tempesta.

Prima di iniziare l'analisi degli eventi,  è doveroso puntualizzare una questione sul comportamento da tenere nei confronti di chi è portatore di qualche malattia ad alta contagiosità.   Qui non si tratta di carità cristiana, oppure di essere buoni, cattivi, razzisti, fascisti. Sin dai precetti più antichi riportati addirittura nel vecchio testamento, quindi più di 2000 anni fa, si dice che è buona norma tenere in quarantena chi è portatore di malattie infettive, di cui non si conoscono ancora le cure e di essere messi sotto rigido controllo dall'autorità specializzata, che in quel tempo era la casta sacerdotale, oggi il medico specializzato. Non si tratta di abbandonare al proprio destino i nostri fratelli, ma solo di mettere in sicurezza se stessi e gli altri!

mercoledì 4 marzo 2020

CORONAVIRUS: E' LA FINE DEL GLOBALISMO, OPPURE IL SUCCESSO DI UNA NUOVA STRATEGIA DI GUERRA VOLUTA DAL DEEP STATE?

Stiamo vivendo un  periodo storico particolarmente drammatico e destabilizzante, dove le   incertezze, le  paure e i dubbi dilagano, mentre  quel  senso di   sicurezza e  stabilità  latita. 

Questi sono  solo  i sintomi di una malattia sociale profonda, causata del quel globalismo imperante, dalla società fluida e senza confini voluta dal neoliberismo che ha etichettato come nemici  da abbattere tutti   i nostri  valori tradizionali e tutte quelle strutture  costituzionali che servono alla società tutta per infondere nei cittadini quel senso di protezione e sicurezza che solo una “Vera Nazione”, intesa come Madre Patria, può dare.

Ora, per tutti noi comuni osservatori, analizzare ciò che sta accadendo con l'epidemia globale causata dal coronavirus non è facile, sono sicuramente più i dubbi che le certezze. 
Non abbiamo le prove di  trovarci davanti al classico scenario tipico del  "PROBLEMA-REAZIONE-SOLUZIONE"  messo in atto a livello globale dall'usurocrazia oligarchica internazionale per colpire economicamente quelle nazioni messe nel mirino, in questo caso  Cina e Italia, per l'accordo sulla "Via della Seta" e l'Iran per le note  motivazioni. 

giovedì 27 febbraio 2020

INCREDIBILE! LA B.C.E. CHIEDE AIUTO AI CITTADINI EUROPEI


Alla B.C.E. servono nuove idee  in ambito economico  monetario



Devo ammetterlo,  questa cosa mi ha spiazzato. Non riuscirete a credere quanto leggerete di seguito. La Banca Centrale Europea chiede aiuto ai cittadini europei. Vuole   nuove idee, evidentemente non sanno più come uscirsene. 
Nel loro comunicato stampa, del 24 febbraio del 2020 che potrete visionare sul sito ufficiale della BCE,   troviamo scritto quanto segue: 
(Ho sottolineato le parti sostanziali)

I cittadini dell’area dell’euro sono invitati a presentare idee e
 commenti on-line 
● L’evento “La BCE ti ascolta”, rivolto alla società civile, si terrà il 26 marzo a Bruxelles 
● Altri eventi dell’Eurosistema dedicati all’ascolto saranno organizzati dalle banche centrali nazionali. 



La Banca centrale europea (BCE) e le 19 banche centrali nazionali dell’area dell’euro, che insieme formano l’Eurosistema, invitano cittadini e organizzazioni dell’area a dare il proprio contributo, presentando idee e commenti sul modo in cui la banca centrale conduce la politica monetaria nell’ambito del quadro di riferimento stabilito dal Trattato sul funzionamento dell’Unione europea. La BCE pubblica un’apposita sezione del sito Internet per spiegare il processo di riesame e mette a disposizione dei cittadini un formulario on-line per presentare proposte e osservazioni nelle lingue dei paesi dell’area dell’euro.

martedì 25 febbraio 2020

CORONAVIRUS: CONTRO LA CRISI ECONOMICA-SANITARIA OCCORRE LA SOVRANITÀ MONETARIA


OCCORRONO DECISIONI FORTI , È GIUNTO IL MOMENTO DI REAGIRE! 

 *UN DECRETO LEGGE CHE FINANZIA CON GLI SPICCIOLI QUESTA GRAVE CRISI
   ECONOMICA-SANITARIA NON SERVE A NULLA

*QUESTA GRAVE CRISI ECONOMICA-SANITARIA LA SI PUÒ SOLO FINANZIARE
   CON UNA FORTE EMISSIONE DI MONETA NON EMESSA A DEBITO

*BISOGNA FAR RIPARTIRE IMMEDIATAMENTE L'ECONOMIA REALE 

*LA CINA STA STAMPANDO ENORMI QUANTITA' DI MONETA PER AFFRONTARE
  IL PROBLEMA.

*L'AUMENTO DEL DEFICIT NON RISOLVE I GRAVI PROBLEMI CHE SI STANNO
  CAUSANDO 

Il coronavirus ha fortemente messo in crisi la nostra già precaria economia, pertanto serviranno provvedimenti forti, attuati da un "vero governo" che rappresenti il popolo e che abbia il coraggio di attuare decreti che mirino a finanziare realmente tutta la nostra economia reale e di  tutti i settori produttivi  delle aree colpite. Come  ho già scritto, la  chiusura nei nostri confronti, da parte di tante altre nazioni era facilmente prevedibile. Gli altri non si sono fatti scrupoli a bloccare le loro  frontiere  e i loro rapporti economici con il nostro Paese. 

Tutto ciò ha contribuito ad  ampliare  ulteriormente la nostra crisi economica. Non escludiamo il fatto che possiamo trovarci davanti al classico scenario tipico del  "PROBLEMA-REAZIONE-SOLUZIONE" messo in atto a livello globale dall'usurocrazia oligarchica internazionale per colpire economicamente quelle nazioni messe nel mirino, in questo caso  Cina e Italia, per l'accordo sulla "Via della Seta" e l'Iran per le note  motivazioni.